Acido ialuronico seno, tutte le informazioni


Scritto da Adele Sparavigna

Dermatologa e Venereologa / Dermatologist and Venereologist


Acido ialuronico seno, tutte le informazioni

Un seno definito e ben visibile è da sempre un desiderio diffuso nel mondo femminile, tant’è che la mastoplastica additiva persiste negli anni tra gli interventi di chirurgia estetica più richiesti.

Acido ialuronico seno: mastoplastica o filler?

Il lungo decorso post-operatorio e i risultati a volte non proprio naturali, spesso scoraggiano le pazienti alla ricerca invece di soluzioni meno invasive. Per questo nell’ultimo decennio ha preso piede la possibilità di utilizzare filler a base di acido ialuronico per aumentare moderatamente il volume del seno, correggerne lo svuotamento post-gravidanza e le asimmetrie o i difetti in seguito ad interventi di mastoplastica additiva o di rimozione di noduli.

Acido ialuronico seno: come funziona il trattamento?

L’acido ialuronico ad alta densità, iniettato con un ago-cannula sotto il derma, riempie esclusivamente un quadrante del seno (in genere la parte superiore che risulta più svuotata).

Acido ialuronico seno: attenzione, ora è vietato

Nonostante il filler a base di acido ialuronico potesse risultare sulla carta un’ottima alternativa all’operazione chirurgica, soprattutto nel rimodellamento di un seno svuotato o asimmetrico, negli ultimi anni è emersa una problematica che ha spinto il Ministero della Salute a proibirne l’utilizzo. Data la particolare conformazione del tessuto mammario, in sede di esami radiografici (mammografie ed ecografie) la presenza di acido ialuronico potrebbe confondere i risultati, l’accumulo di questa sostanza potrebbe essere scambiata per una massa cistica, o viceversa, un eventuale tumore potrebbe essere travisato. Non esistono invece controindicazioni nell’utilizzo di acido ialuronico ad alta densità in altri distretti corporei.

 

[rrssb options="email,facebook,twitter,pinterest"]