Un cosmetico per ogni ora del giorno


Scritto da Adele Sparavigna

Dermatologa e Venereologa / Dermatologist and Venereologist


Un cosmetico per ogni ora del giorno

I ritmi circadiani della pelle: mito o realtà?

 

Ogni mattina ci svegliamo da una notte di sonno, ci dedichiamo alle nostre normali attività, assumiamo regolarmente i nostri pasti e ci prepariamo ad affrontare una nuova notte. Questo ritmo, detto circadiano —dal latino “circa diem” (circa un giorno)— influenza un’ampia varietà di funzioni fisiologiche umane, inclusi i cicli sonno-veglia, la temperatura corporea, la secrezione ormonale, l’attività locomotoria e il comportamento alimentare. I ritmi circadiani si sono notevolmente conservati durante l’evoluzione. I movimenti ciclici delle foglie su una pianta, le attività di un gatto di casa, il canto degli uccelli all’alba, tutti seguono un ciclo quotidiano naturale e antico.

 

Negli ultimi decenni i ricercatori hanno descritto un gran numero di comportamenti ciclici, ritmi metabolici e oscillazioni fisiologiche che seguono un pattern circadiano. Perché questi ritmi sono così onnipresenti? La risposta è semplice. Questi cicli biologici si basano sulla caratteristica più antica del nostro ambiente: la rotazione astronomica della Terra sul proprio asse, che porta al ciclo luce-oscurità: la ripetizione ritmica dei giorni e delle notti.

 

La vita sulla Terra sarebbe stata completamente diversa su un pianeta con un ciclo di luce più lungo o più breve. Qual è il vantaggio evolutivo degli orologi circadiani? Essi permettono agli organismi di anticipare gli eventi quotidiani  e di non farsi trovare impreparati. In questo modo, ad esempio, gli animali si procurano il cibo prima di avvertire i morsi della fame, così possono sfuggire ai predatori, che cacciano ben prima di essere affamati. E le piante si preparano a riavviare la fotosintesi clorofilliana all’alba, prima che arrivi la piena luce.

 

La pelle è l’organo maggiormente esposto alla luce e mostra chiaramente grandi oscillazioni circadiane. Di notte la temperatura cutanea si abbassa, il flusso sanguigno rallenta, diminuisce la funzionalità di barriera della cute ma aumenta la capacità riproduttiva delle cellule e il loro metabolismo. Di giorno avviene il contrario.

 

La nuova cosmesi sfrutta a fondo il meccanismo dei ritmi circadiani, dando nuovo significato e rilevanza alla tradizionale distinzione tra creme da notte e creme da giorno. La notte è il momento in cui i prodotti cosmetici devono essere emollienti e riparativi nei confronti dei danni ambientali subiti durante il giorno mentre di giorno le formulazioni utilizzate devono essere perlopiù idratanti, lenitive e protettive nei confronti degli insulti ambientali.

[rrssb options="email,facebook,twitter,pinterest"]