Benefici del melograno, perché mangiare il frutto.


Scritto da Dottoressa Mirella Gallo

Tecnologa Alimentare & Personal Trainer / Food Technologist & Personal Trainer


Benefici del melograno, perché mangiare il frutto.

Il melograno, che ricordiamo è stato citato anche nella famosa poesia carducciana, si presenta come un enorme cespuglio con foglie verdi e con fiori di colore rosso scarlatto.

Benefici del melograno: caratteristiche e proprietà

E’ largamente diffuso e coltivato su vaste zone di tutti i continenti ed il suo frutto è ricco di polifenoli e tannini (sostanze antiossidanti), vitamine (A, gruppo B e la K), sali minerali (potassio, ferro, calcio, magnesio, fosforo) e proteine. E’ un frutto ipocalorico e poco zuccherino (ha un basso indice glicemico) ed è un potente alleato della nostra salute.

Benefici del melograno: ecco perché fa bene alla salute

Proprio grazie alla sua composizione nutrizionale, il melograno può essere considerato un “antitumorale naturale”, perché in grado di combattere i radicali liberi. In particolare, le antocianine, proteggono la pelle dai possibili danni dei raggi UV (causa principale dei tumori). Non solo: l’azione sinergica delle componenti antiossidanti e delle vitamine rende possibile un rallentamento dei processi di invecchiamento cellulare, favorisce la riparazione tessutale e riduce l’iperpigmentazione, le macchie cutanee, l’acne e le rughe. Le sue proprietà anticoagulanti, oltre ad essere un rimedio per gli inestetismi della pelle, assicurano il buon funzionamento dell’apparato cardiovascolare (riduzione di arterosclerosi, colesterolo cattivo, ecc.).

Benefici del melograno: come mangiarlo nel modo giusto

Come consumarlo? Del frutto, la parte edibile è circa la metà ed è poco pratico “mangiarlo” fresco, a mani nude, per la sua particolare conformazione, soprattutto per i bambini e gli anziani. Un buon uso del frutto sarebbe quello in accostamento con cereali alternativi oppure aggiunto nelle insalate ed il piatto che ne risulterà, ne guadagnerà senz’altro in gusto e valore nutritivo. Provate ad aggiungere, ad esempio,
del succo e dei chicchi di melograno al classico risotto in bianco, oppure al cous cous insieme ad una manciata di pistacchi: l’aspetto estetico ed il sapore vi sorprenderanno piacevolmente.

 

[rrssb options="email,facebook,twitter,pinterest"]