L’A B C dei “sun food” stimolatori di melanina


Scritto da Dottoressa Mirella Gallo

Tecnologa Alimentare & Personal Trainer / Food Technologist & Personal Trainer


L’A B C dei “sun food” stimolatori di melanina

Per proteggersi dal sole, tutte le vitamine della stagione estiva.

Estate alle porte, tempo di vacanze e tanta voglia di esporsi al sole. Per farlo, è importante capire quali alimenti stimolano la melanina e consentono un’abbronzatura naturalmente perfetta.

Tra i “sun food” più indicati, in cima alle classifiche troviamo frutta e verdura: alimenti ipocalorici, fonte di vitamine e sali minerali.

Un ottimo coadiuvante nell’idratazione della pelle e nella stimolazione produttiva di melanina sono gli alimenti ricchi di vitamina A o di betacaroteni, che donano alla pelle un aspetto curato e piacevolmente ambrato. Questi sono molti e variano in base al contenuto di vitamina A. La lista è lunga e si va dalle carote – le più ricche – alle  ciliegie – le più povere, che si aggiungono a: radicchio, albicocche, cicoria, lattuga, meloni gialli, sedano, pomodori, peperoni, spinaci, cavolfiori, pesche e cocomeri. Oltre allo speciale contributo protettivo di cereali, legumi, latte e formaggi ricchi di vitamina B e coadiuvanti durante l’esposizione al sole.

Infine, i cibi ricchi di vitamina C, speciali stimolatori di melanina e riparatori di tessuti danneggiati dalle scottature, tra cui il kiwi.

Attenzione: per un’adeguata protezione, resta valido il consiglio di non esporsi al sole nelle ore più calde e scegliere i prodotti dermatologici giusti, facendosi consigliare da esperti professionisti, evitando il fai-da-te.

 

CHEF LAB

In cucina, i “sun food” sono ottimi in macedonie, frullati, centrifugati, purea, granite o gelati artigianali.

Verdure ed ortaggi sono ottimi se consumati crudi o cotti a vapore, come zuppe fresche.

 

[rrssb options="email,facebook,twitter,pinterest"]