Superfood: cosa sono e perché fanno bene


Scritto da Dottoressa Mirella Gallo

Tecnologa Alimentare & Personal Trainer / Food Technologist & Personal Trainer


Superfood: cosa sono e perché fanno bene

“Superfood” è diventato sinonimo di cibo salutare, ma è questa la giusta definizione
da attribuirgli?

Un cibo “super” dotato di nutrienti (vitamine, minerali, antiossidanti, fibre, ecc.) può davvero migliorare la salute più di altri alimenti che “super” non sono considerati? Scopriamolo insieme.

Leggiamo spesso articoli sulle proprietà salutari e benefiche di mirtilli, barbabietole, cacao, bacche di Goji, melograno, peperoncino, the verde, the nero, Ginkgo Biloba (solo per citarne alcuni): rimaniamo affascinati dalla potenza e dalla generosità di madre natura che ci offre tantissimi rimedi per la cura e la prevenzione di numerosi disturbi a cui andiamo soggetti. La scienza ha voluto vederci chiaro e sono stati condotti innumerevoli studi di laboratorio che hanno evidenziato come i costituenti di alcuni alimenti definiti “super” possano interagire beneficamente con il nostro ciclo biologico. Il mirtillo ad esempio è un ottimo antitumorale, il melograno normalizza l’ipertensione sanguigna, le barbabietole e il cacao sono ideali per il buon funzionamento del cuore. Queste indagini sono state condotte sul singolo alimento. Cosa succede quando introduciamo nell’alimentazione giornaliera un superfood? I suoi effetti benefici rimangono inalterati? È possibile che l’utilità di alcuni nutrienti venga potenziata in presenza di altri o viceversa. Facciamo alcuni esempi pratici: mangiare carote ci assicura un buon apporto di beta carotene solo se condite con un buon olio di oliva (vitamine liposolubili + acidi grassi); il cacao è benefico per il nostro cuore, ma un suo consumo eccessivo, sotto forma di cioccolato, ci farà ingrassare (tanti flavonoidi ma anche tante calorie!). In conclusione, la scelta di consumare superfood è una lodevole iniziativa per cominciare a prendersi cura del benessere del proprio corpo, ma non dobbiamo focalizzarci solo su quei tipi di alimenti. Bisogna aumentare il consumo di frutta e verdura e consumare in modo appropriato e variegato anche tutta la gamma di alimenti di origine animale che la nostra cucina ci offre.

 
Fonte: appunti EUFIC
www.scienzaeconoscenza.it

 

[rrssb options="email,facebook,twitter,pinterest"]