Vitamine per il cambio di stagione


Scritto da Dottoressa Mirella Gallo

Tecnologa Alimentare & Personal Trainer / Food Technologist & Personal Trainer


Vitamine per il cambio di stagione

Mal di primavera: come affrontarlo? Ecco alcuni consigli.

L’arrivo della primavera è il momento tanto atteso da tutti: la natura si risveglia, le giornate si allungano, le temperature si innalzano. E’ anche l’inizio di quel periodo in cui si comincia a soffrire di piccoli e fastidiosi malesseri dovuti proprio al cambiamento ambientale e meteorologico.

 

I sintomi:

Chi non ha mai sofferto di stanchezza e sonnolenza, deboli ma frequenti emicranie, scarsa concentrazione nello studio o nel lavoro, spossatezza ed irritabilità, disturbi gastrici e muscolari? Questa condizione critica del sistema immunitario e di quello nervoso prende il nome di “sindrome da primavera”.

Quali sono i consigli nutrizionali per affrontarla e superarla? Numerosi studi scientifici hanno confermato che, spesso, basta partire da un’alimentazione ricca in frutta e verdura di stagione, come rimedio ottimale per “sopravvivere” al meglio a questo periodo di transizione dal freddo invernale  al caldo estivo. Numerosi esperimenti, infatti, hanno appurato come un pieno di vitamine e sali minerali possa migliorare le funzioni cognitive e lo stato psico-fisico in generale.

 

Le vitamine alleate della salute:

E’ consigliato per questo e periodo prediligere  tutti quegli alimenti ricchi di vitamina del gruppo B (B1,B2, B6 e B12): legumi, latte, albume d’uovo, ortaggi, cereali integrali, noci, carni rosse, germe di grano, lievito, ecc. La vitamina B interviene nella biochimica dei carboidrati e delle proteine, contribuendo a migliorare la funzionalità dei muscoli e del sistema nervoso. La vitamina C, invece, presente nei kiwi, nelle arance e nei mandarini, nei limoni, nei pomodori, nei peperoni e in tutte le verdure a foglia verde, è necessaria per innalzare le difese immunitarie  e grazie anche alla sua azione antiossidante, liberare l’organismo dalle tossine accumulate. Questi elementi sono anche ricchi di vitamina A ed E presenti, tra l’altro, anche nella frutta secca. L’azione antiossidante di questi micronutrienti è molto importante: contrastano i radicali liberi, rallentando il processo di invecchiamento cellulare e proteggendo la pelle dai primi raggi solari.  Le vitamine, necessitano, però, della presenza di alcuni  minerali ed oligoelementi, affinché la loro biodisponibilità possa essere utilizzata: calcio, manganese, magnesio, fosforo, ferro, zinco e rame.

 

Vitamine per il cambio di stagione: come regolarsi con le quantità?

E’ importante anche “dosare” il pieno dei micronutrienti nell’arco della giornata: 2 porzioni di frutta e 3 porzioni tra verdure ed ortaggi. Inoltre bisogna prediligere il consumo crudo di questi alimenti  vegetali oppure utilizzare una cottura (come quella a vapore) che non denaturi i loro preziosi costituenti.

 

Oltre la dieta:

Per superare il problemi legati a questo periodo possiamo affidarci non solo all’alimentazione ma anche con il movimento. L’arrivo della primavera consente di poter stare più tempo all’aria aperta, approfittatene anche per riprendere una sana attività fisica, altro fattore fondamentale per risvegliare il nostro metabolismo e ridare energia e vitalità al nostro corpo.

 

 

[rrssb options="email,facebook,twitter,pinterest"]