Acido ialuronico, cura e innovazione contro la cistite


Scritto da Marianna Di Palo


Acido ialuronico, cura e innovazione contro la cistite

Circa il 50 % delle donne in età fertile soffre di patologie alla vescica: come proteggersi.

Causa disagio e spesso si prolunga nel tempo. La cistite è una patologia che si presenta spesso e che raramente si riesce a debellare. Le statistiche parlano chiaro: almeno una volta nella vita interessa circa il 50% delle donne in età fertile; la metà delle quali va incontro a una recidiva entro 6-12 mesi.

L’alternativa alla sofferenza è rappresentata da una sostanza come il condroitin solfato e dall’acido ialuronico, che agiscono proteggendo il rivestimento interno della vescica. In particolare, difendono strutture chiamate glicosaminoglicani, zuccheri complessi che difendono dall’aggressività dei germi.

Il trattamento avviene tramite semplici instillazioni e ha l’obiettivo di aiutare, a lungo termine, le pazienti con cistiti croniche resistenti agli antibiotici. Oltre che prevenire e guarire il dolore pelvico cronico. Questo perché i problemi al rivestimento protettivo della vescica sono direttamente collegati ai sintomi; infatti permettono ai costituenti tossici delle urine di entrare in contatto con i tessuti esterni alla vescica stessa.

Non bisogna dimenticare che un’altra declinazione dell’infiammazione da cistite è il rischio di tumore superficiale della vescica. Per questo, il trattamento a base di condroitin solfato e acido ialuronico rappresenta la prevenzione per eccellenza in queste patologie.

 

 

Per saperne di più: http://www.curarelacistite.it/sapere/problemi-vescicali-acido-ialuronico-360/

[rrssb options="email,facebook,twitter,pinterest"]