Che cos’è la scleroterapia?


Scritto da Antonia Mariconda

Blogger and Founder at “The Cosmedic Coach”


Che cos’è la scleroterapia?

Scleroterapia è un termine medico che indica una procedura per il trattamento e l’eliminazione di teleangectasie e vene varicose.

Nota anche come Sceroterapia Guidata da Ultrasuoni o Scleromousse, si tratta di una procedura popolare e diffusa, usata con ottimi risultati sin dagli anni ’30.

 

Come funziona le scleroterapia?

Nella scleroterapia viene iniettata una soluzione salina nelle vene interessate con un ago molto sottile. Inizialmente può causare crampi e dolore, a seconda delle dimensioni delle vene e dell’area trattata. La soluzione poi irrita l’endotelio dei vasi sanguigni facendolo collassare e provocando la coagulazione del sangue all’interno. Col tempo, questo processo forma del tessuto cicatriziale che poi svanisce naturalmente. Si tratta di una procedura tipicamente eseguita in un centro ospedaliero o in ambulatorio, spesso da un dermatologo o un chirurgo in regime ambulatoriale. Data la sua semplicità, solitamente richiede circa 15-30 minuti.

 

A chi è rivolta la scleroterapia?

Prima del trattamento, il medico o il dermatologo verificherà nel dettaglio l’idoneità o meno del soggetto per la procedura. Le donne incinte non possono sottoporsi alla scleroterapia. Possono essere considerati coloro che hanno già sofferto di trombosi in passato, a seconda delle origini dei trombi e delle condizioni generali dell’area da trattare. Vale la pena notare che le vene potenzialmente utilizzabili per un futuro bypass cardiaco, generalmente non vengono prese in considerazione per la scleroterapia.

 

Consigli pre/post-trattamento

Il candidato per scleroterapia riceverà dal proprio medico o dermatologo consigli e direttive su cosa fare prima e dopo la procedura. In questa fase, è importante che il paziente riferisca tutti i farmaci che sta assumendo (compresi i rimedi erboristici e i farmaci da banco).

Dopo la procedura, il medico o il dermatologo indicherà diverse cose importanti da evitare: i farmaci come l’aspirina, l’ibuprofene e altri antinfiammatori vanno evitati nei primi 2-3 giorni dopo il trattamento, come anche i bagni caldi, le saune, le vasche idromassaggio e l’esposizione diretta al sole. Prurito ed ecchimosi sono comuni sintomi post-trattamento, ma il paziente dovrà riferire immediatamente al medico eventuali rigonfiamenti nella zona dell’inguine o nelle gambe stesse. Inoltre, il paziente è invitato a indossare calze di supporto, a prescindere dal sesso, per aiutare a comprimere i vasi trattati, nonché a camminare il più possibile nei giorni successivi al trattamento.

 

La scleroterapia è una procedura di routine e potrete tornare a casa guidando già da subito senza problemi. È anche molto efficace, infatti il 50-80% delle vene trattate vengono eliminate in ogni sessione. Le teleangectasie generalmente hanno una riposta più veloce al trattamento, scomparendo dopo circa 3-6 settimane, rispetto ai 3-4 mesi delle vene più grandi.

 

 

[rrssb options="email,facebook,twitter,pinterest"]