Chirurgia Facelift – E’ davvero così spaventoso come sembra?


Scritto da Antonia Mariconda

Blogger and Founder at “The Cosmedic Coach”


Chirurgia Facelift – E’ davvero così spaventoso come sembra?

L’intervento chirurgico di lifting facciale, conosciuto medicalmente come lifting, è una procedura comune utilizzata per ridurre gli effetti visibili dell’invecchiamento.

Uno degli effetti più evidenti dell’invecchiamento è la comparsa di rughe sul viso. Tuttavia, le rughe possono anche apparire a causa di un eccessivo stress emotivo o a causa dell’esposizione a diversi fattori ambientali. L’operazione di lifting facciale è di solito l’ultima delle procedure a cui si rivolge il paziente, grazie al suo effetto potente e di lunga durata.

È importante trovare un medico esperto in chirurgia plastica per l’intervento perché sarà lui a decidere se farne uno minimamente invasivo o uno più esteso, a seconda delle esigenze di ciascun paziente.

Secondo la Società Americana per la Chirurgia Plastica Estetica, uomini e donne optano per un intervento chirurgico di lifting con più frequenza rispetto al passato. Anche se il numero di pazienti varia in modo significativo (113 mila donne, 13 mila uomini), la percentuale di queste operazioni ha avuto una crescita simile negli anni precedenti.

I candidati ideali

L’intervento chirurgico di lifting facciale è un metodo molto efficace per migliorare il proprio aspetto e la fiducia in se stessi. Tuttavia, non tutti dovrebbero optare per questo tipo di procedura. In molti casi, il lifting non è necessario per avere un aspetto estetico più soddisfacente. Per molti pazienti, le procedure non invasive come la microdermoabrasione o peeling chimici sono in grado di fornire risultati migliori e più veloci.

Ci sono 4 caratteristiche importanti per riconoscere i pazienti che possono essere candidati ideali per il lifting:

● Struttura delle ossa – per risultati migliori è necessaria una forte struttura ossea. Le ossa facciali sottostanti svolgono un ruolo importante sia nella resistenza che nella struttura. In caso contrario, i chirurghi raccomandano o di optare per le protesi facciali o una combinazione di protesi e chirurgia.

● l’elasticità della pelle – una buona elasticità della pelle è essenziale sia per l’intervento chirurgico che per il processo di guarigione. Più elastica è la pelle più è facile per il chirurgo plastico stringerla. Inoltre, la pelle elastica guarisce meglio dopo l’intervento.

● Buona salute – le condizioni mediche preesistenti dovrebbero essere conosciuti dal chirurgo in anticipo. Il lifting è una procedura invasiva con buone capacità di guarigione che possono essere gestite meglio da un organismo sano.

● aspettative realistiche – per ogni lifting chirurgico il paziente deve comprendere i vantaggi e le limitazioni della chirurgia plastica. I risultati insoddisfacenti possono portare a gravi traumi emotivi.

Pro e contro

Comprendere le possibilità del lifting, come le limitazioni può migliorare significativamente le aspettative del paziente, la felicità post-chirurgica, e la qualità della vita.

● Pro – l’intervento di lifting non è limitato ad una singola area del viso; un chirurgo plastico può facilmente operare su diverse aree nello stesso intervento. Inoltre, gli effetti dell’intervento possono durare per più di dieci anni. oggigiorno, l’intervento di lifting facciale è considerato il miglior trattamento per il rimodellamento della mandibola e del collo. Grazie ai recenti progressi medici e la crescente popolarità della chirurgia plastica, i costi associati al lifting facciale sono ora accessibili alla maggior parte dei pazienti.

● Contro – uno degli aspetti più importanti è il fatto che la chirurgia lifting risolve solo il problema estetico; non tratta le patologie di base o non ferma l’invecchiamento. Inoltre, i pazienti che si sottopongono a un intervento chirurgico come il lifting spesso necessitano di almeno un paio di settimane per un recupero completo. A seconda dell’intervento e del paziente, ci sono casi in cui può essere necessario un secondo intervento in futuro.

Preparazione della procedura

Il chirurgo fornirà l’elenco completo delle istruzioni per aiutare a preparare il paziente per l’intervento, ma ci sono alcune informazioni di base:

● Smettere di fumare – si consiglia di smettere di fumare fino a sei settimane prima di un intervento chirurgico di lifting in quanto favorisce una migliore guarigione e riduce il processo di cicatrizzazione post-interventistica

● Interrompere l’assunzione di alcuni farmaci – anti-infiammatori, aspirina, vitamine e altri farmaci omeopatici dovrebbe essere interrotti prima di un intervento chirurgico in quanto aumentano il sanguinamento

● idratazione corretta – al fine di promuovere una procedura chirurgica più sicura e un recupero più veloce

processo chirurgico

Ci sono diverse tecniche di lifting utilizzabili che cambiano secondo l’intervento e l’area del viso. Tuttavia, ogni tecnica comprende almeno una incisione che faciliterà l’accesso al chirurgo.

Effettuata l’incisione, i tessuti coinvolti vengono accuratamente riposizionati in modo da ottenere un risultato che permetta un look più naturale possibile.

Il passo successivo è quello di stringere la pelle che circonda le tempie e le guance, sollevandola e riposizionandola. Inoltre, per garantire la longevità del nuovo aspetto, il chirurgo rimuove attentamente qualsiasi eccesso di grasso e tessuto connettivo.

L’ultima fase della procedura prevede il riposizionamento finale della pelle sopra la nuova struttura sottostante, dopo di che il chirurgo chiuderà le incisioni. Mentre quasi tutti i pazienti avranno bisogno di punti di sutura, ganci in metallo o altre forme di chiusura della ferita, solo pochi richiederanno tubi di drenaggio.

Post-operatorio di recupero e cura

Trovare un buon chirurgo è importante non solo per l’intervento, ma anche per il pacchetto di cure post operatorie offerte. Un cattivo recupero può diminuire i risultati positivi di un intervento chirurgico di successo.

Il periodo di recupero varia per ogni paziente e secondo gravità dell’intervento. Secondo la Società Americana per la Chirurgia Plastica Estetica, il consueto periodo di recupero può durare fino a sei settimane. Dopo questo periodo, il paziente dovrebbe continuare ad essere responsabile e seguire determinate regole.

Durante le prime settimane, i pazienti non dovrebbero guidare poiché potrebbero provare un senso di tensione soprattutto nella zona del collo, cosa che è del tutto normale. Regolari visite post-operatorie saranno programmate quando si viene dimessi dall’ospedale. Il divieto di assumere farmaci continua per due settimane dopo l’intervento. I pazienti dovrebbero evitare di sedersi per periodi di tempo prolungati. Attività fisiche faticose sono proibite durante il primo mese dopo l’intervento chirurgico. E’ consigliabile dormire in una posizione supina e mai a pancia in giù nelle prime sei settimane. L’esposizione al sole diretto dovrebbe essere limitata il più possibile. Prima dell’esposizione potenziale al sole comunque è consigliabile l’applicazione di una crema con protezione solare SPF (30+).

[rrssb options="email,facebook,twitter,pinterest"]