Cistite: cause e rimedi


Scritto da Francesca Merlo


Cistite: cause e rimedi

La cistite è un disturbo molto frequente soprattutto tra la popolazione femminile che colpisce almeno il 25-35% di donne tra i 20 e i 40 anni.

Cistite: cause e fattori di rischio

La cistite è una flogosi della mucosa della vescica. La causa principale è la risalita nella vescica di batteri e agenti patogeni vaginali, uretrali o fecali. Come mai colpisce in prevalenza le donne? Sono stati individuati numerosi fattori di rischio che potrebbero favorire l’insorgere della cistite, anche in modo ricorrente. Tra i principali, vi sono sicuramente fattori anatomici (l’uretra, nel sesso femminile, è più corta rispetto a quella dei maschi e quindi il tragitto di risalita dei germi, è più breve), problemi di costipazione e la frequenza dei rapporti sessuali che favoriscono l’ingresso dei batteri, alcune tipologie di sistemi contraccettivi che alterano l’equilibrio vaginale, l’uso frequente di antimicrobici e/o antibiotici, il deficit di estrogeni nelle donne in menopausa.

La cistite comporta numerosi fastidi facilmente riconoscibili: l’aumento delle minzioni giornaliere, bruciore, spasmi e dolori al momento di urinare, disuria, a volte le urine possono essere torbide e con tracce di sangue o pus. Solitamente la cistite non comporta un aumento significativo della temperatura, ma se la febbre fosse oltre i 38° l’infezione potrebbe essere passata anche alle alte vie urinarie.

Cistite: cure e prevenzione

Nel tentativo di curare la cistite, spesso si entra in un circolo vizioso di frequenti ricadute. Non è quasi mai necessario ricorrere agli antibiotici, soprattutto se non si ha la febbre. È essenziale bere moltissima acqua per depurare le vie urinarie e si può ricorrere ad antimicrobici. Stando alle ultime scoperte, l’acido ialuronico è un valido alleato nel trattamento delle cistiti ricorrenti che può essere somministrato per via orale o per via endovescicale. L’acido ialuronico è una sostanza che permette la guarigione e il recupero del tessuto della mucosa danneggiata dalle frequenti infiammazioni. È molto utile ricorrere a dei probiotici per la flora vaginale, la naturale protezione contro le infezioni delle vie urinarie. Più genericamente, è consigliabile bere sempre molta acqua, non trattenere l’urina, indossare biancheria intima di cotone ed evitare indumenti troppo stretti.

 
Fonte: www.ok-salute.it

[rrssb options="email,facebook,twitter,pinterest"]