Orticaria da stress: tutto quello che c’è da sapere


Scritto da Adele Sparavigna

Dermatologa e Venereologa / Dermatologist and Venereologist


Orticaria da stress: tutto quello che c’è da sapere

Chiazze, pomfi arrossati e pruriginosi, di piccole dimensioni o addirittura di dimensioni gigantesche? Si tratta di orticaria, una condizione quasi sempre mediata dal sistema immunitario, quindi indice di allergia a una o più sostanze. Spesso non è chiaro che cosa si intende per orticaria da stress, cerchiamo di chiarire le cose stando a quel che ci dice la scienza medica dal momento che in rete circolano perlopiù informazioni imprecise.

Orticaria da stress: esiste?

Ci sono però dei casi in cui la patogenesi dell’orticaria non è immunomediata ma è dovuta a fattori diversi quali malattie autoimmunitarie, fattori fisici come il caldo, il freddo, lo sforzo muscolare, le sollecitazioni meccaniche (come nell’orticaria dermografica).

Orticaria da stress: facciamo chiarezza

Tutto dipende dalla reattività della cute e cioè dalla stabilità delle cellule che rilasciano l’istamina, il mediatore principale dell’infiammazione nell’orticaria. Queste condizioni, spesso, possono associarsi allo stress, oppure uno stress particolarmente intenso può, anche da solo, abbassare la soglia di reattività cutanea, provocando una manifestazione orticarioide. Tuttavia, se la condizione sia da ascriversi allo stress oppure sia una spia di qualche patologia sottostante, questo sta al medico stabilirlo, in base ad un attento esame clinico ed accertamenti mirati.

 

[rrssb options="email,facebook,twitter,pinterest"]