Chimica e qualità dei sogni: uno studio italiano trova il nesso


Scritto da Areastream


Chimica e qualità dei sogni: uno studio italiano trova il nesso

La dopamina è alla base del meccanismo del ricordo dei sogni.

I ricercatori del dipartimento di Neurologia clinica comportamentale dell’IRCCS Santa Lucia di Roma, del dipartimento di Psicologia dell’Università Sapienza di Roma e dell’Università dell’Aquila hanno pubblicato su “Human Brain Mapping” il risultato della loro scoperta: esiste un’implicazione diretta del neurotrasmettitore dopamina durante l’attività onirica. In breve, la dopamina influisce sulla vividezza dei sogni ricordati.

Gli studiosi hanno misurato il comportamento microstrutturale di alcune aree del cervello, come la sostanza grigia della corteccia prefrontale mediale e l’amigdala, dimostrandone la correlazione.

Lo strumento di questo studio è stata la risonanza magnetica funzionale per mappare l’attività dei cervelli del campione-studio, tutti casi affetti da Parkinson. La carenza della dopamina dei soggetti ha permesso di capire se il neurotrasmettitore in questione avesse un’implicazione nella sfera onirica o meno e se una sua modulazione potesse influire sulla qualità dell’attività onirica.

Fonti: adnkronos.it & medicinalive.com

[rrssb options="email,facebook,twitter,pinterest"]