Ripopolare i coralli ai Caraibi, un’emergenza da affrontare


Scritto da Francesca Merlo


Ripopolare i coralli ai Caraibi, un’emergenza da affrontare

Una buona notizia per tutti coloro che si interessano alla salvaguardia dell’ecosistema ambientale: è partito un progetto sperimentale che prevede il ripopolamento dei coralli ai Caraibi.

L’urgenza incombe e non è rimasto ormai molto tempo. Il progetto prevede una banca dati della biodiversità da completare entro il 2020.

Come mai si parla di emergenza? La causa delle barriere coralline a rischio è da rintracciarsi in una combinazione di molteplici fattori: dal riscaldamento globale alla pesca intensiva, non da ultimo uno sviluppo costiero incontrollato.

Stando ai dati raccolti dai ricercatori il numero dei coralli presenti nella zona dei Caraibi è diminuita negli ultimi trent’anni del 50 fino all’80%.

In che modo funzionerà questo piano di salvataggio? Saranno selezionate e allevate le varietà di coralli con la migliore capacità di adattarsi ai cambiamenti climatici e saranno messi al sicuro nella banca di dati genetici quelli più a rischio.

Infine, è previsto un piano di ripopolazione dei coralli da attuare entro il 2025, in particolare nelle zone delle Isole Vergini e delle Florida Keys.

 
Fonte: www.ansa.it

[rrssb options="email,facebook,twitter,pinterest"]