Coltivare l’orto come rimedio per la depressione


Scritto da Areastream


Coltivare l’orto come rimedio per la depressione

Coltivare l’orto è tra le migliori medicine per combattere solitudine e depressione e il beneficio aumenta se lo si fa in compagnia di qualcuno.
Le persone affette da un po’ di depressione si possono dedicare alla cura dell’orto, attività che le aiuta a combattere la tentazione di chiudersi in se stesse e nella tristezza.

Inoltre, coltivando piante e piccoli frutti, gli anziani sono più attenti anche all’aspetto nutrizionale e sono invogliati a mangiare meglio e a introdurre nella loro dieta alimenti che prima non erano considerati invitanti. I prodotti del lavoro all’aria aperta saranno frutti e verdure di stagione genuini e freschi, perfetti per portare la salute anche a tavola.

L’effetto benefico dell’ortoterapia nasce da questa consapevolezza, dal richiamo alle origini e alla natura, e dal veder nascere qualcosa grazie al proprio lavoro. Il guadagno maggiore però è soprattutto in entusiasmo, autostima e serenità. Da momento dedicato a se stessi e al proprio benessere, infatti, coltivare l’orto può trasformarsi in preziosa occasione di condivisione e comunicazione con gli altri, lasciando che la natura faccia il proprio corso.

Dott.ssa Valeria D’Antonio

Psicologa clinica e mediatrice familiare

[rrssb options="email,facebook,twitter,pinterest"]