L’empatia come mezzo per lo sviluppo psicofisico dell’individuo


Scritto da Areastream


L’empatia come mezzo per lo sviluppo psicofisico dell’individuo

L’empatia è un termine che deriva dal greco, en-pathos “sentire dentro” ed è un’importante competenza emotiva, grazie alla quale è possibile andare a conoscere il vissuto dell’altro e quindi entrare più facilmente in sintonia con la persona con la quale si interagisce.

A questo proposito, romanzi e film non sono solo intrattenimento, ma importanti strumenti per sviluppare le nostre capacità sociali. È possibile, ad esempio, formarsi idee su emozioni, motivazioni e idee degli altri, ben al di là di quanto è scritto sulla pagina o rappresentato sullo schermo.

L’immergersi nella lettura o guardare un film particolarmente ricco di suggestioni porta a creare una rappresentazione mentale che induce le regioni del cervello a essere attive, come se si trattasse di veri avvenimenti che si svolgono nella vita reale di tutti i giorni, incrementando la nostra capacità empatica nella vita quotidiana.

Oggi è necessario stimolare sempre più lo sviluppo della comprensione delle proprie ed altrui emozioni, in un sistema sociale che vive il fenomeno di una giovane generazione tendente a delle difficoltà nello sviluppo e nella comprensione dei sentimenti. I giovani hanno un forte bisogno di una educazione emotiva, dalla famiglia iper-tecnologizzata e assente sul piano della comunicazione, alla scuola dove i docenti sono spesso solo riproduttori di una teoria che ignora il vivo bisogno di una comunicazione empatica ed emozionale.

C’è bisogno di vivere le emozioni e nel contempo di conoscerle, saperle identificare ed elaborare. Solo attraverso una vera e propria educazione di ciò che è l’emotivo dentro di noi riusciremo a immedesimarci nello stato emotivo altrui.

Dott.ssa Valeria D’Antonio

Psicologa clinica e mediatrice familiare

[rrssb options="email,facebook,twitter,pinterest"]