Fobia sociale: di cosa si tratta e come affrontarla


Scritto da Areastream


Fobia sociale: di cosa si tratta e come affrontarla

È assolutamente normale mostrarsi agitati e intimoriti nel momento in cui ci si trova ad affrontare situazioni sociali che ci espongono al giudizio di altre persone. Facendo qualche esempio, quando si deve parlare a una conferenza, fare un intervento in un dibattito pubblico oppure essere su un palcoscenico. Tuttavia, quando ansia e preoccupazione per queste situazioni diventano tali da far diventare preponderante il desiderio di fuggire, oppure quando si cercano scuse per evitare la condizione che ci mette a disagio, ci troviamo in presenza della patologia che prende il nome di fobia sociale (o disturbo d’ansia sociale).

Fobia sociale: come si caratterizza

Da cosa si caratterizza la fobia sociale? Sicuramente vi è il timore di essere giudicati negativamente dalle altre persone, nel caso di azioni e situazioni di varia natura. Cosa c’è alla base di questa paura? Si desidera ovviamente dare una buona impressione di sé, unitamente a una grande insicurezza rispetto alle proprie capacità.
Quando si è affetti da fobia sociale si ha il timore che le proprie azioni possano apparire ridicole o inadeguate a degli occhi esterni. La preoccupazione aumenta in concomitanza di alcuni sintomi, quali il sudare, l’arrossire, la voce flebile e tremante o addirittura il vomitare a causa di tutta l’ansia e la tensione accumulate. La paura è quella di non riuscire a esprimersi, bloccarsi nel mezzo del discorso e non ricordare più nulla di quello che si doveva dire. Questa preoccuazione prende il nome di ansia anticipatoria, un sintomo che è molto comune tra le persone che soffrono di fobia sociale.

Fobia sociale: cosa si può fare

Spesso, le persone che soffrono di questo disturbo sono consapevoli, in situazioni non di disagio, che queste paure sono irrazionali ed eccessive. Tuttavia alla consapevolezza si accompagna una ulteriore colpevolizzazione per il proprio comportamento evitante.
Grazie alla psicoterapia e, ove necessario, a un’adeguata terapia farmacologica è possibile attenuare la sintomatologia della fobia sociale e tornare ad avere, così, una vita sociale più serena.

Dott.ssa Valeria d’Antonio

Psicologa clinica e mediatrice familiare

[rrssb options="email,facebook,twitter,pinterest"]