Litigi in Famiglia: cause strutturali e meccanismi di risoluzione


Scritto da Chiara Mastropasqua

Neuro scienziata / Neuro Scientist


Litigi in Famiglia: cause strutturali e meccanismi di risoluzione

La famiglia rappresenta il nucleo più ristretto e primordiale di interazione interindividuale.

Litigi in famiglia: perché

I litigi in famiglia sono spesso lo specchio di interazioni conflittuali tra i membri del nucleo familiare in cui si possono individuare delle caratteristiche strutturali che predispongono a litigi familiari intensi e frequenti.

Prima tra tutte l’obbligatorietà relazionale: ad eccezione della coppia infatti, nessun membro della famiglia “sceglie” i propri familiari e l’involontarietà dei rapporti interpersonali rappresenta una fonte inevitabile di litigi in famiglia.

Altra caratteristica è quella dell’intimità: il contatto diretto e intimo e l’impossibilità di svincolarsene  aumenta la probabilità di litigi tra familiari. La privacy dei rapporti inoltre rappresenta un ostacolo al confronto con l’esterno, rendendo possibili comportamenti socialmente inammissibili in un contesto intimo e ristretto.

Il cambiamento repentino e frequente delle dinamiche interpersonali, del numero dei componenti della famiglia e delle molteplici situazioni a cui far fronte nel corso del tempo, può essere considerata un ulteriore caratteristica intrinseca del nucleo familiare che predispone a litigi familiari e relazioni conflittuali.

Litigi in famiglia: come affrontarli

Nonostante naturali e frequenti, affinché i litigi in famiglia non diventino fonte di distacco e attrito a lungo termine, risulta necessario individuare e tenere ben presente i meccanismi che ne prevengano lo sviluppo e ne arginino gli effetti.

Evitare i litigi familiari a monte, stabilire regole sull’assegnazione dei diritti e dei doveri di ciascuno e far valere il principio di eguaglianza tra tutti i membri della famiglia, rappresentano meccanismi di prevenzione dei litigi in famiglia.

Il potenziamento delle “Facilities” della famiglia, il delineamento di un sistema di priorità per l’utilizzo di quest’ultime e l’imposizione dell’autonomia di ciascun membro della famiglia, possono invece essere considerati come i meccanismi strumentali essenziali al mantenimento dell’armonia familiare.

I processi di risoluzione del conflitto fanno invece riferimento a quei meccanismi di comunicazione, identificazione delle possibili soluzioni, elaborazione dei pro e dei contro, e un processo decisonale comune che, grazie al consenso, al compromesso o alla concessione, portano al superamento e alla risoluzione dei litigi in famiglia.

 

Fonti:  Resolving family conflicts ROBERT O. BLOOD, JR. University of Michigan

[rrssb options="email,facebook,twitter,pinterest"]